de-laurentiis-agnelli.jpg

De Laurentiis disse: «Stadio nuovo solo con leggi contro i violenti». Agnelli invece ci scende a patti

Scritto da -

Il presidente azzurro non si è mai fatto minacciare dai facinorosi. Agnelli invece addirittura li incontrava...
Anno 2015. De Laurentiis viene interrogato sul tema stadio nuovo a margine di un incontro avuto con De Magistris e il presidente del Coni Giovanni Malagò, e risponde così: «Io non mi tiro indietro. Il Napoli non può fatturare più di tanto e so che i soldi li dovrò mettere personalmente, ma mi tirerò indietro se Alfano non metterà in pista la legge inglese che ha ripulito il calcio. Non costruisco nuove strutture per farmele distruggere».

Lo stesso De Magistris in quella stessa sede gli diede pienamente ragione (cosa rara): «Chi vuole investire deve pretendere da chi ha responsabilità dell’ordine pubblico nel nostro paese misure più efficaci».

La posizione di De Laurentiis assume valore maggiore in questi giorni durante i quali è scoppiato il caso in casa Juve per la questione Agnelli. Solo che lì il presidente bianconero anziché prendere posizione contro i violenti ci è sceso a patti. E' finito infatti sul banco degli imputati per via delle concessioni e gli incontri avuti con la frangia peggiore del tifo bianconero, quella che annovera tra i suoi leader anche boss malavitosi.

C'è chi prova a difendere Agnelli dicendo che in qualche modo doveva tendere la mano ai violenti (fino al punto di consentire l'ingresso di striscioni ignobili sul dramma di Superga). Del resto il procuratore Federcalcio scrive che certi comportamenti avevano "...il dichiarato intento di mantenere l’ordine pubblico nei settori dello stadio occupati dai tifosi ultras...". In sostanza, senza incontri e concessioni ci sarebbero state rappresaglie: sciopero del tifo, disordini allo Stadium e quant'altro.

La differenza però rispetto al comportamento di ADL è evidente. Uno ha resistito, non è mai sceso a patti con nessuno, anche a costo di essere bersaglio continuo e costante di contestazioni (ricordate a campagna a furia di striscioni in città di un paio di estati fa?). L'altro invece non s'è fatto scrupoli nell'incontrare i personaggi peggiori della nostra società, di stringere loro la mano, di assecondare le loro pretese.
E' questo lo Juve style che dovremmo prendere come esempio? Pfui...

img di Stefano Mastronardi



  Commenti (0) Inserisci un commento




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
M 4 M 6 P 9
RISULTATI
15.03
Cagliari
Fiorentina
2 - 1
16.03
Sassuolo
Sampdoria
3 - 5
16.03
Spal
Roma
2 - 1
16.03
Torino
Bologna
2 - 3
17.03
Genoa
Juventus
2 - 0
17.03
Atalanta
Chievo
1 - 1
17.03
Empoli
Frosinone
2 - 1
17.03
Lazio
Parma
4 - 1
17.03
NAPOLI
Udinese
4 - 2
17.03
Milan
Inter
2 - 3
CLASSIFICA
1
Juventus
75
2
NAPOLI
60
3
Inter
53
4
Milan
51
5
Roma
47
6
Atalanta
45
7
Lazio
45
8
Torino
44
9
Sampdoria
42
10
Fiorentina
37
11
Genoa
33
12
Parma
33
13
Sassuolo
32
14
Cagliari
30
15
Spal
26
16
Udinese
25
17
Empoli
25
18
Bologna
24
19
Frosinone
17
20
Chievo
11
PROSSIMO TURNO
31.03
Frosinone
Spal
31.03
Inter
Lazio
31.03
Chievo
Cagliari
31.03
Juventus
Empoli
31.03
Fiorentina
Torino
31.03
Sampdoria
Milan
31.03
Bologna
Sassuolo
31.03
Udinese
Genoa
31.03
Roma
NAPOLI
31.03
Parma
Atalanta