sarri_sky.jpg

Sarri: «Grande sacrificio di tutti, non era facile giocare così dopo la sfida di Champions»

Scritto da -

«Questa sfida poteva essere molto più difficile di quanto si potesse pensare. Mertens? Sappiamo tutti che è un giocatore forte»
La soddisfazione si legge negli occhi di Maurizio Sarri, che alla fine del match vinto contro il Cagliari si presenta davanti alle tv e in sala stampa per dispensare elogi verso i suoi giocatori. «Questa sfida poteva essere molto più difficile di quanto si potesse pensare, perché dopo che giochi certe sfide di Champions è chiaro che perdi dispendio di energie fisiche e mentali. In più c'era anche il fattore orario che scombussola i ritmi. Secondo me l'ultima cosa da fare alle 12.30 è giocare a calcio».

«Era difficile anche perché il Cagliari in casa ha fatto sempre bene, prima di giocare con noi 16 punti su 21. Noi abbiamo dato una grande risposta sul campo, ho visto nel gruppo un grande spirito di sacrificio da parte di tutti».

Sarri parla del turnover, che gli ha regalato grandi soddisfazioni: «Mi gratifica il fatto che ho cambiato 5 giocatori eppure ho visto la stessa qualità della squadra. Jorginho e Mertens non possono essere considerati dei cambi, m'è piaciuto anche Strinic e anche il dare minuti a ragazzi come Rog e Giaccherini. Sto avendo l'opportunità di vedere in campo tanti ragazzi. Volevo far giocare anche Maggio dall'inizio, ma cambiare tre difensori su quattro era troppo».

«Mertens? Sappiamo tutti che è un giocatore forte, al di là del ruolo in cui gioca. Quando sta bene è uno che può fare la differenza da esterno ma anche da attaccante centrale».

«Potevamo stare più vicini alla Juve? Ci sono di sicuro un paio di partite che gridano vendetta. In più ci sono state situazioni come l'infortunio di Milik che dopo un mese che aveva fatto sette reti, poi Albiol che s'è fatto male quando avevamo fuori pure Chiriches e Maksimovic non era al top. Inoltre la Champions dal punto di vista mentale e nervoso è devastante. Però i ragazzi si stanno abituando ad uscirne meglio».

Riguardo le condizioni di Koulibaly: «Ha preso un brutto colpo, ma non sappiamo ancora l'entità del problema. La sensazione è che non sia nulla di gravissimo».

«Sorteggio Champions? Noi ce la giochiamo sapendo di non avere una grande tradizione e che comunque questa competizione ci dà emozioni. Tanto le squadre sono tutte forti, ma giocheremo tra due mesi quindi non ci pensiamo».


  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: fai la somma dei numeri
8 f 3 s 7 m
RISULTATI
18.01
Lazio
Sampdoria
5 - 1
18.01
Sassuolo
Torino
2 - 1
18.01
NAPOLI
Fiorentina
0 - 2
19.01
Milan
Udinese
3 - 2
19.01
Brescia
Cagliari
2 - 2
19.01
Bologna
Verona
1 - 1
19.01
Lecce
Inter
1 - 1
19.01
Genoa
Roma
1 - 3
19.01
Juventus
Parma
2 - 1
20.01
Atalanta
Spal
1 - 2
CLASSIFICA
1
Juventus
51
2
Inter
47
3
Lazio
45
4
Roma
38
5
Atalanta
35
6
Cagliari
30
7
Parma
28
8
Milan
28
9
Torino
27
10
Verona
26
11
NAPOLI
24
12
Bologna
24
13
Fiorentina
24
14
Udinese
24
15
Sassuolo
22
16
Sampdoria
19
17
Lecce
16
18
Spal
15
19
Brescia
15
20
Genoa
14
PROSSIMO TURNO
24.01
Brescia
Milan
25.01
Spal
Bologna
25.01
Fiorentina
Genoa
25.01
Torino
Atalanta
26.01
Inter
Cagliari
26.01
Verona
Lecce
26.01
Parma
Udinese
26.01
Sampdoria
Sassuolo
26.01
Roma
Lazio
26.01
NAPOLI
Juventus