sassuolo-napoli-hamsik.jpg

Più punti dell'anno scorso, giocando la Champions. Ma quei regali sono un pugno dello stomaco

Scritto da -

Il Napoli segna gol a grappoli, incanta e fa più punti dell'anno scorso. Ma poi dietro roviniamo tutto...
Il Napoli di Sarri ha firmato il sorpasso... sul Napoli di Sarri. Chi diceva stupidaggini riguardo i passi indietro compiuti da una stagione all'altra, adesso non ha più neanche il conforto (forzatissimo) dei numeri. E pazienza se nel giro di 12 mesi s'è infilata tra noi e la Juve una squadra come la Roma (che la Champions non l'ha fatta). Come dice Sarri, se alla fine saranno rimasti avanti a noi gli faremo i complimenti, ma noi comunque saremo soddisfatti del nostro percorso.

Noi ci godiamo il nostro. Più punti di un anno fa, una Champions giocata alla grande e una Coppa Italia condizionata dal rigorometro scientifico. Il tutto mettendo anche a tacere quelli che con l'addio di Higuain intonavano il requiem e ipotizzavano un quinto-sesto posto, e quelli che dopo il crac di Milik parlavano di ridimensionamento.

Tuttavia, proprio per questa lunga premessa che vale come grande elogio, tutti quei gol beccati come oggi col Sassuolo sono un pugno nello stomaco. E' come dipingere un'opera d'arte e accorgersi poi che nella tela c'è un buco.

Non si può regalare un gol come quello che ha regalato Hamsik. L'errore capita a tutti, per carità. Ma qui c'è una sequenza di errori molto simili tra loro (ricordate Jorginho col Benfica, Koulibaly con la Roma, Ghoulam con Atalanta e Juve, Tonelli con il Milan?) in cui offriamo cioccolatini agli avversari in modo del tutto gratuito e insensato.
Perché ci dobbiamo fare male da soli?

In partite come quella col Sassuolo, nelle quali crei tante occasioni e talvolta sbatti anche sui legni, ci sta che alla fine fai "solo" 2 gol, che poi a pensarci bene sono tanta roba.
Quello che non ci sta affatto è che ne becchi altrettanti senza che gli altri abbiano fatto nulla. E non è la prima volta che succede.

La Juve ha costruito una semifinale Champions con un solo gol, quello di Dybala al 6'. Gli altri due poteva pure non farli, tanto alla fine il Barcellona ha attaccato per 174 minuti ma è sempre sbattuto su un muro di cemento armato.
Il muro del Napoli invece sembra fatto di cartongesso. Basta una dito e lo perfori. Se poi ci mettiamo a farcelo da soli...

img di Stefano Mastronardi


  Commenti (0) Inserisci un commento




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
V 3 i 7 L 7
RISULTATI
18.05
Udinese
Spal
3 - 2
18.05
Genoa
Cagliari
1 - 1
18.05
Sassuolo
Roma
0 - 0
19.05
Chievo
Sampdoria
0 - 0
19.05
Parma
Fiorentina
1 - 0
19.05
Empoli
Torino
4 - 1
19.05
Juventus
Atalanta
1 - 1
19.05
Milan
Frosinone
2 - 0
19.05
NAPOLI
Inter
4 - 1
20.05
Lazio
Bologna
3 - 3
CLASSIFICA
1
Juventus
90
2
NAPOLI
79
3
Atalanta
66
4
Inter
66
5
Milan
65
6
Roma
63
7
Torino
60
8
Lazio
59
9
Sampdoria
50
10
Sassuolo
43
11
Spal
42
12
Bologna
41
13
Cagliari
41
14
Parma
41
15
Fiorentina
40
16
Udinese
40
17
Empoli
38
18
Genoa
37
19
Frosinone
24
20
Chievo
16
PROSSIMO TURNO
25.05
Frosinone
Chievo
25.05
Bologna
NAPOLI
26.05
Torino
Lazio
26.05
Sampdoria
Juventus
26.05
Fiorentina
Genoa
26.05
Cagliari
Udinese
26.05
Spal
Milan
26.05
Atalanta
Sassuolo
26.05
Roma
Parma
26.05
Inter
Empoli