feyenoord-napoli-2017.jpg

Feyenoord-Napoli 2-1: lampo di Zielinski, la partita vera finisce dopo 35'

Scritto da -

Napoli fuori dalla Champions. Tre sconfitte in altrettante trasferte per gli azzurri. Adesso sarà EuroLeague
Finisce addirittura con una sconfitta (la terza in tre trasferte) il cammino del Napoli in Champions, anche se la sfida di Rotterdam si chiude di fatto al minuto 35' del primo tempo, quando dall'Ucraina arriva la notizia del 2-0 dello Shakhtar.

Prima di sacramentare contro Guardiola e tutta Manchester, chiediamoci al posto loro cosa avremmo suggerito di fare a Sarri? Risposta: di mettere quante più riserve possibile e chissenefrega degli altri.
E allora è inutile lamentarsi degli altri, piuttosto prendiamocela con noi stessi per due gravi errori.

Il primo: non accontentarsi del pari contro il City al San Paolo (A conti fatti non avrebbe cambiato nulla, ma comunque è stato un errore).
Il secondo: non studiare bene il calendario. Tutti sapevano che il City era favorito, e questo vuol dire che la sua ultima avversaria del girone - lo Shakhtar - avrebbe potuto sfruttare la sua qualificazione anticipata. Se c'era una gara da non sbagliare era proprio quella con gli ucraini per non dargli doppio vantaggio. E invece...

Ormai è fatta, inutile recriminare. Magari da questa delusione può nascere qualcosa di buono in ottica campionato. A patto di saperla sfruttare.

Sarri sceglie il "piano B" per i terzini, mettendo Maggio a destra e Hysaj a sinistra. A centrocampo spazio a Diawara, con Zielinski che fa le veci di Insigne. Al di là del gol, esperimento fallito.

Mosse azzeccate quelle di Sarri, visto che proprio Zielinski sembra mettere subito il match in discesa per il Napoli: al 1' infatti una punizione di Diawara viene rimessa di sponda in mezzo da Albiol, Mertens viene anticipato a un metro dalla porta ma dietro c'è Zielinski che infila sotto la traversa.

Il Napoli fa sua la partita, controllando il gioco e provando ancora a pungere. Al 19' Mertens scambia al limite con Hamsik che poi lo mette davanti alla porta, ma Vermeer in uscita respinge in angolo il tiro del belga.

Al 21' altra occasione Napoli: Mertens crossa per Callejon che in estirada anticipa il portiere, sulla palla diretta in rete prova ad avventarsi Hamsik che viene anticipato a un metro dalla porta vuota.

Sembra tutto facile, ma dal 25' in poi la serata gira male in pochi minuti. Arriva la notizia del vantaggio Shakhtar, poi al 33' su un cross di Boetius, Albiol sceglie male posizione e tempo e va a vuoto di testa, mentre Jorgensen stacca e batte Reina, 1-1.
Tempo due minuti e arriva anche la notizia che lo Shakhtar ha trovato il gol del raddoppio. Tempo altri due minuti e un fallo di Malacia su Callejon in area non viene sanzionato.

Scende il gelo sui cuori azzurri e anche sul Napoli (anche se in campo non si sa fino a che punto sapessero di quel che accadeva altrove), che non solo non riesce a reagire ma addirittura viene messo in affanno dagli olandesi, anche se il primo tempo si chiude sull'1-1.

Nella ripresa Sarri non cambia nulla, come non cambia l'atteggiamento del Napoli che giochicchia e non punge più. Il primo lampo è un'azione personale di Allan (56') che viene bloccato in uscita da Vermeer.

Al 60' entra Rog per Allan, e 3' dopo Mario Rui per Maggio per dare un minimo di spinta sulle fasce (fin lì assente). Ma il primo tiro si vede al 70', quando Callejon fa il solletico a Vermeer. Poco dopo ci prova anche Zielinski dalla distanza, palla fuori.

Al 74' entra Ounas per Callejon, e dopo 1 minuto l'algerino s'inventa un assist clamoroso per Mertens che non sfrutta. Poco dopo lo stesso Ounas si procura l'espulsione di Vilhena, che fa un'entrataccia a gioco per giunta fermo.

Neppure in 11 contro 10 il Napoli riesce a combinare qualcosa, e anzi l'addio alla Champions viene sugellato dal clamoroso 2-1 del Feyenoord: al 92' calcio d'angolo e St. Juste circondato dai giocatori del Napoli riesce ad incornare e battere Reina. Altro gol di testa.

FORMAZIONI UFFICIALI
FEYENOORD (4-3-3): Vermeer; Nieuwkoop, van Beek, Tapia, Malacia; Amrabat, Toornstra, Vilhena; Berghuis, Jorgensen, Boetius. A disposizione: Jones, St. Juste, Larsson, Basacikoglu, Diks, Kramer, Hansson. All. van Bronckhorst

NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Hysaj; Allan, Diawara, Hamsik; Callejon, Mertens, Zielinski. A disposizione: Sepe, Mario Rui, Chiriches, Jorginho, Rog, Ounas, Giaccherini. All. Sarri


  Commenti (0) Inserisci un commento




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
4 e 9 L 5 G
RISULTATI
17.02
Udinese
Roma
0 - 2
17.02
Chievo
Cagliari
2 - 1
17.02
Genoa
Inter
2 - 0
18.02
Torino
Juventus
0 - 1
18.02
Benevento
Crotone
2 - 1
18.02
Bologna
Sassuolo
2 - 1
18.02
Napoli
Spal
1 - 0
18.02
Atalanta
Fiorentina
1 - 1
18.02
Milan
Sampdoria
1 - 0
19.02
Lazio
Hellas Verona
2 - 0
CLASSIFICA
1
Napoli
66
2
Juventus
65
3
Roma
50
4
Lazio
49
5
Inter
48
6
Sampdoria
41
7
Milan
41
8
Atalanta
38
9
Torino
36
10
Udinese
33
11
Fiorentina
32
12
Genoa
30
13
Bologna
30
14
Cagliari
25
15
Chievo
25
16
Sassuolo
23
17
Crotone
21
18
Spal
17
19
Hellas Verona
16
20
Benevento
10
PROSSIMO TURNO
24.02
Bologna
Genoa
24.02
Inter
Benevento
25.02
Crotone
Spal
25.02
Fiorentina
Chievo
25.02
Sassuolo
Lazio
25.02
Hellas Verona
Torino
25.02
Sampdoria
Udinese
25.02
Juventus
Atalanta
25.02
Roma
Milan
26.02
Cagliari
Napoli