federcalcio.jpg

Serie A, accordo sul taglio degli stipendi: 2 o 4 mesi a seconda se i campionati riprenderanno. L'AIC: "Vergognosa e irricevibile"

Scritto da -

L'Assemblea urgente che si è svolta questa mattina ha deciso di tagliare gli stipendi dei calciatori di un terzo, se i campionati non riprenderanno. L'accordo in Lega è stato raggiunto, e per la prima volta è ufficializzata la possibilità che la serie A possa non riprendere più.

Ecco il comunicato della Lega.
«Il settore calcio vivrà parimenti una situazione estremamente difficile, anche in caso di ripresa differita delle restanti partite di campionato e di Coppa Italia, mettendo a repentaglio la tenuta di tutto il sistema, da sempre sostenuto dalla Lega Serie A grazie al contributo mutualistico versato per le serie minori e gli altri sport.

Linee guida Lega Serie A su riduzione compensi a calciatori, allenatori e tesserati federali della prima squadra

Il contesto sopra descritto richiama tutti ad un atto di forte responsabilità, con i Club pronti a fare la propria parte sostenendo ingenti perdite per garantire il futuro del calcio italiano.

Perdite che necessariamente dovranno essere contenute incidendo sulla riduzione dei costi, la cui principale voce per le Società è rappresentata dal monte salari. In linea con le azioni volte a diminuire il costo lavoro adottate a livello nazionale e internazionale, la Lega Serie A ha deliberato oggi, all’unanimità con esclusione della Juventus che ha già raggiunto un accordo coi propri giocatori, una comune linea di indirizzo per contenere l’importo rappresentato dagli emolumenti di calciatori, allenatori e tesserati delle prime squadre. Questo intervento, necessario per salvaguardare il futuro dell’intero sistema calcistico italiano, prevede una riduzione pari a 1/3 della retribuzione totale annua lorda (ovvero 4 mensilità medie onnicomprensive) nel caso non si possa riprendere l’attività sportiva, e una riduzione di 1/6 della retribuzione totale annua lorda (ovvero 2 mensilità medie onnicomprensive) qualora si possano disputare nei prossimi mesi le restanti partite della stagione 2019/2020. Resta inteso che i Club definiranno direttamente gli accordi con i propri tesserati.

Termine della stagione sportiva 2019/2020
La Lega Serie A sta seguendo l’evoluzione dello scenario in stretto coordinamento con la Uefa, la FIGC e l’ECA. È stata confermata la volontà di portare a termine la stagione e di tornare a giocare, senza correre rischi, solo quando le condizioni sanitarie e le decisioni governative lo consentiranno.

L’Assemblea riunita oggi ha inoltre analizzato le raccomandazioni per la ripresa di gare e allenamenti delle varie discipline sportive prescritte dalla Federazione Medico Sportiva Italiana, alla luce dell'attuale situazione di emergenza sanitaria. A tal proposito entro fine settimana la Federcalcio emanerà le relative norme medico sanitarie».

La reazione dell'AIC però è stata fortissima. “E’ una proposta vergognosa e irricevibile”. L’Assocalciatori, presieduta da Damiano Tommasi, boccia senza mezzi termini la linea guida della Lega Serie A sul taglio agli stipendi. “Se le società di serie A si devono trovare in assemblea per dire che non pagheranno gli stipendi, quando in realtà a tu per tu con i giocatori i singoli club stanno cercando accordi di buon senso, è molto preoccupante”.

Il vicepresidente, Umberto Calcagno spiega: “È chiara l’indicazione che si vuol far pagare solo ai calciatori gli eventuali danni della crisi. L’unica parte rilevante del comunicato della Lega è l’inciso con cui si dice che le squadre dovranno negoziare le modifiche contrattuali con i singoli giocatori”.


RISULTATI
22.05
Crotone
Fiorentina
0 - 0
22.05
Cagliari
Genoa
0 - 1
22.05
Sampdoria
Parma
3 - 0
23.05
Inter
Udinese
5 - 1
23.05
Bologna
Juventus
1 - 4
23.05
Spezia
Roma
2 - 2
23.05
Atalanta
Milan
0 - 2
23.05
Torino
Benevento
1 - 1
23.05
Sassuolo
Lazio
2 - 0
23.05
NAPOLI
Verona
1 - 1
CLASSIFICA
1
Inter
91
2
Milan
79
3
Atalanta
78
4
Juventus
78
5
NAPOLI
77
6
Lazio
68
7
Roma
62
8
Sassuolo
62
9
Sampdoria
52
10
Verona
45
11
Genoa
42
12
Bologna
41
13
Fiorentina
40
14
Udinese
40
15
Spezia
39
16
Cagliari
37
17
Torino
37
18
Benevento
33
19
Crotone
23
20
Parma
20
PROSSIMO TURNO