verona-napoli-02-milik.jpg

NAPOLI solido e corsaro a Verona: 0-2 firmato dalle teste di MILIK e LOZANO

Scritto da -

Gara sofferta sbloccata dal polacco nel primo tempo e chiusa dal messicano proprio allo scadere del tempo regolametare
Una vittoria sporca e sofferta, costruita sulla capacità di capitalizzare gli episodi buoni. Il Napoli sbanca Verona con i gol di Milik e Lozano, entrambi di testa ed entrambi da calcio d'angolo, e continua a vivere il suo momento molto positivo.
I tre punti valgono per tenere ancora accesa la fiammella di speranza per il quarto posto, ma anche per dare più convinzione a un gruppo che ritrova Ghoulam dopo 8 mesi e porta al gol Lozano, ovvero il colpo più deludente degli ultimi anni della gestione ADL.

Ancora una volta, volendo usare una sola parola per descrivere la vittoria azzurra, sarebbe solidità. Il Napoli di Gattuso sa sbandare senza cadere, sa soffrire senza perdersi d'animo, e sa colpire quando ne ha l'occasione.
Cosa importante: lo fa con tutti gli uomini della rosa.

FORMAZIONI UFFICIALI
VERONA (3-5-2): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Empereur; Faraoni, Amrabat, Miguel Veloso, Lazovic; Verre, Zaccagni; Di Carmine. All. Juric
NAPOLI (4-3-3): Ospina, Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj, Zielinski, Demme, Allan, Politano, Milik, Insigne. All. Gattuso

Al Bentegodi Rino Gattuso ha dovuto fare a meno soltanto di Manolas, che è rimasto a casa per lo più a scopo precauzionale. Il tecnico azzurro riporta tra i pali Ospina, assente nella finale con la Juve. A sinistra gioca Hysaj, mentre a centrocampo torna titolare Allan. In attacco tridente con Insigne e Politano ai lati, e Milik punta centrale.

Come era prevedibile, non si vedono ritmi elevati al Bentegodi. Il Verona prova a mantenere il baricentro alto, ma il suo pressing non è troppo convinto. Basta questo comunque a costringere il Napoli a fare un po' di fatica a impostare l'azione, anche perché i tre centrocampisti vengono francobollati da quelli del Verona a tutto campo.
L'unico acuto azzurro è al 18', quando Zielinski li libera al limite e costringe Silvestri alla deviazione in tuffo.

Fin lì c'era stato uno sterile predominio territoriale del Napoli.
Al 21' però esce fuori il Verona, che prende coraggio dopo un'occasionissima in contropiede. Verre si trova a mezzo metro dalla porta vuota e col pallone sulla testa, ma decide inspiegabilmente di provarci di petto, mandando incredibilmente alto.
L'episodio accende gli scaligeri, che poco dopo chiamano per la prima volta in causa Ospina. E' Di Carmine che si presenta davanti al portiere azzurro (in posizione defilata) e lo costringe alla respinta.

Nel momento più blando però, il Napoli la sblocca (38').
Angolo battuto da Politano, Milik è solissimo in area e di testa la manda dritta nell'angolino, 0-1.
La risposta del Verona è sul finire di primo tempo, con una sassata di Veloso che Ospina alza oltre la traversa.

La ripresa è più vivace, e il Napoli ha subito la palla del raddoppio, perché dopo appena 30 secondi Allan si trova a pochi metri da Silvestri, ma gli spara addosso.
Il Verona risponde con una botta centrale di Veloso (52').
Subito dopo bella iniziativa personale di Politano, che chiama Silvestri alla respinta in tuffo.

Al 60' arriva il pari del Verona. Zaccagni va al cross dopo però aver toccato di mano, Faraoni si sbarazza di Insigne e si testa insacca da mezzo metro, 1-1. Pasqua viene richiamato al VAR e annulla.

Scampato il pericolo, Gattuso comprende che è ora di cambiare qualcosa.
Dentro Ruiz per Allan, dentro anche Ghoulam (non giocava da ottobre) per Hysaj.

Ma ancora una volta l'occasione buona capita al Verona, proprio con il futuro azzurro Rahmani, il cui tiro viene sporcato da Demme e bloccato da Ospina (69').

A venti minuti dalla fine cambia anche il Verona. Pazzini e Salcedo in campo, fuori Di Carmine e Zaccagni.
Risponde subito Gattuso: Mertens per Milik, Lobotka per Demme.
Poi tocca ancora al Verona. Pessina per Verre.

Il Napoli si rivede al 80', quando Insigne riesce a trovare lo spazio per accentrarsi e far partire il tiro a giro, che però è impreciso.

Ultimo cambio al 83': Lozano per Politano.
Juric getta dentro Di Marco e Stepinski, per puntare sui palloni alti.

Altra occasione Napoli all'89', con Insigne che chiama alla deviazione sotto l'incrocio Silvestri.
Sull'angolo seguente, Ghoulam disegna una traiettoria a giro spaventosa, e Lozano sul secondo palo la tocca a 10 cm dalla porta mettendola dentro.

Il messicano al 92' ha pure l'occasione per il tris, perché Insigne con un lancio di prima intenzione lo manda verso Silvestri. L'attaccante messicano però fa tutto bene tranne il tiro, che finisce fuori di un pelo.


  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
1 s r 7 r 4
RISULTATI
30.06
Genoa
Juventus
1 - 3
30.06
Torino
Lazio
1 - 2
01.07
Fiorentina
Sassuolo
1 - 3
01.07
Bologna
Cagliari
1 - 1
01.07
Inter
Brescia
6 - 0
01.07
Lecce
Sampdoria
1 - 2
01.07
Verona
Parma
3 - 2
01.07
Spal
Milan
2 - 2
02.07
Atalanta
NAPOLI
2 - 0
02.07
Roma
Udinese
0 - 2
CLASSIFICA
1
Juventus
72
2
Lazio
68
3
Inter
64
4
Atalanta
60
5
Roma
48
6
NAPOLI
45
7
Milan
43
8
Verona
42
9
Cagliari
39
10
Parma
39
11
Bologna
38
12
Sassuolo
37
13
Fiorentina
31
14
Udinese
31
15
Torino
31
16
Sampdoria
29
17
Genoa
26
18
Lecce
25
19
Spal
19
20
Brescia
18
PROSSIMO TURNO
04.07
Lazio
Milan
04.07
Juventus
Torino
04.07
Sassuolo
Lecce
05.07
Inter
Bologna
05.07
Cagliari
Atalanta
05.07
Brescia
Verona
05.07
Udinese
Genoa
05.07
Parma
Fiorentina
05.07
NAPOLI
Roma
05.07
Sampdoria
Spal