napoli-atalanta-conti.jpg

Napoli piccolo con le grandi: 4 sconfitte su 4 contro Juve, Roma e Atalanta (2 volte)

Scritto da -

La pressione di doversi confermare grandi per forza gioca brutti scherzi agli azzurri. Bisogna tornare ad essere sfacciati e sfrontati
In casa o fuori poco cambia, quando il Napoli sfida le big gli prende lo smarrimento. L'assurdo è che un annetto fa si diceva esattamente il contrario. Quella squadra vinse in casa contro Juve e Lazio, pareggiò contro la Roma e vinse fuori sempre con la Lazio. I due ko furono soltanto contro Roma e Juve, peraltro tutti e due giunti al 90'e immeritatamente.

Quest'anno la musica è cambiata in peggio. Anzi come peggio non potrebbe. Le sfide in alta quota le abbiamo perse tutte. Juve, Roma e per due volte l'Atalanta ci hanno fatto male. E sostanzialmente abbiamo meritato di perderle tutte.
Il che alimenta non poche preoccupazioni, visto il calendario imminente che ci manda prima a Torino contro Juve e poi a Roma nel giro di 6 giorni.

Ma cosa è successo al Napoli?
La sensazione è che mentre lo scorso anno c'era lo stimolo di essere la rivelazione che poteva spaventare tutti, quest'anno c'è invece la pressione di doversi confermare grande per forza.

Un cambiamento di prospettiva che forse non tutti sanno gestire a livello di personalità, e che si traduce in prestazioni opache e colossali distrazioni soprattutto difensive, singole o collettive.

Pensate infatti agli 8 gol subiti nelle 4 sfide con le big (appena 2 gol quelli segnati).
Ripensate ai gol di Bonucci e Petagna su assist di... Ghoulam, a quello di Dzeko... propiziato da Koulibaly. Oppure pensate al primo gol segnato ieri da Caldara: una difesa a zona di solito si concentra sulla palla e non sull'uomo, e allora come è possibile che tre giocatori del Napoli guardano la palla che passa in area e nessuno la colpisce?

Black-out che dimostrano come al Napoli manca decisamente ancora molto per essere grande davvero. Però Sarri l'ha sempre detto e ribadito: il Napoli non è al livello della Juve, loro sono di un'altra categoria, come il Real. E questo non va vissuto come un dramma.
Il dramma sammai è che qualcuno non se n'era ancora accorto e ha scelto il momento peggiore per farlo sapere. Poi ha preso un aereo e se n'è volato lontano. Non si fa così.

img di Stefano Mastronardi


  Commenti (0) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
X 7 Z 5 c 2
RISULTATI
29.02
Lazio
Bologna
2 - 0
29.02
NAPOLI
Torino
2 - 1
01.03
Lecce
Atalanta
2 - 7
01.03
Cagliari
Roma
3 - 4
08.03
Parma
Spal
0 - 1
08.03
Milan
Genoa
1 - 2
08.03
Sampdoria
Verona
2 - 1
08.03
Udinese
Fiorentina
0 - 0
08.03
Juventus
Inter
2 - 0
09.03
Sassuolo
Brescia
3 - 0
CLASSIFICA
1
Juventus
63
2
Lazio
62
3
Inter
54
4
Atalanta
48
5
Roma
45
6
NAPOLI
39
7
Milan
36
8
Verona
35
9
Parma
35
10
Bologna
34
11
Sassuolo
32
12
Cagliari
32
13
Fiorentina
30
14
Udinese
28
15
Torino
27
16
Sampdoria
26
17
Genoa
25
18
Lecce
25
19
Spal
18
20
Brescia
16
PROSSIMO TURNO
08.03
Genoa
Parma
08.03
Inter
Sassuolo
08.03
Bologna
Juventus
08.03
Lecce
Milan
08.03
Fiorentina
Brescia
08.03
Torino
Udinese
08.03
Atalanta
Lazio
08.03
Verona
NAPOLI
08.03
Spal
Cagliari
08.03
Roma
Sampdoria