zielinski-2020-1.jpg

ZIELINSKI show, il NAPOLI stritola il Cagliari (1-4). Azzurri di nuovo quarti

Scritto da -

Il Napoli torna a correre, a giocare bene, a vincere. E beneficia anche del primo rigore dell'anno.
Una vittoria larghissima quella di Cagliari, che ci sta tutta nelle dimensioni, eppure tradisce nel far sembrare come se tutto fosse stato facile. Infatti il Napoli era riuscito a complicarsi le cose da solo, prendendo gol - dopo un dominio totale - nell'unico tiro scoccato verso la porta dai sardi.
Eravamo al 60' e si poteva mettere male. Ma per fortuna oggi c'era un Zielinski formato De Bruyne, che ha strappato, ha inventato e soprattutto segnato. Devastante.

Formazioni ufficiali
CAGLIARI (4-2-3-1): Cragno; Zappa, Walukiewicz, Ceppitelli, Lykogiannis; Nandez, Marin; Pereiro, Joao Pedro, Sottil; Simeone.
A disposizione: Vicario; Boccia, Pinna, Pisacane, Tripaldelli; Caligara, Oliva; Cerri, Contini, Pavoletti, Tramoni. All. Di Francesco
NAPOLI (4-2-3-1): Ospina, Di Lorenzo, Maksimovic, Manolas, Mario Rui, Bakayoko, Fabian, Lozano, Zielinski, Insigne, Petagna.
A disposizione: Meret, Contini, Ghoulam, Hysaj, Rrahmani, Demme, Elmas, Lobotka, Politano, Llorente, Cioffi. All. Gattuso

Gattuso continua ad avere la coperta corta in attacco, viste le assenze di Osimhen e Mertens (c'è anche il baby Cioffi in panchina). In difesa manca ancora Koulibaly, mentre a centrocampo Demme non è al meglio e parte dalla panchina.

Il primo tempo è un monologo azzurro. Perfino l'unica grande occasione del Cagliari... in realtà la costruiamo noi.
Merito di un atteggiamento pimpante sin dall'inizio, ma anche di un Cagliari che tatticamente si consegna agli azzurri. Il 4-2-3-1 di Di Francesco infatti crea ampi varchi sulla trequarti, dove Insigne e Zielinski sono liberi di ricevere e puntare la porta.

Nascono quasi tutte allo stesso modo le occasioni azzurre: uno dei due avanza palla al piede fino al limite, poi scarica per qualcun altro che arriva al tiro.
Già dopo 54 secondi Zielinski chiama Cragno alla respinta. All'11' e al 12' invece sfiorano il palo dal limite Fabian e Insigne.

Al 21' le conclusioni da pochi metri di Petagna e Insigne sbattono sui difensori, la palla arriva a Mario Rui che spara alto a porta semivuota.
Al 25' però Zielinski centra il bersaglio, sempre con tiro dal limite, su tocco smarcante di Petagna.
Sempre dal limite ancora Lozano sfiora il palo (27'), mentre al 30' ci prova anche Fabian ma spara alto.
Sul finire di tempo un tiro-cross di Insigne per poco non sorprende Cragno, che in tuffo rimedia.

E il Cagliari? A parte un colpo di testa di Joao Pedro (che anticipa Manolas) che finisce alto, la sola grande occasione è al 35' quando Manolas fa un passaggio scriteriato regalando palla a Simeone, che fortunatamente manda fuori.
Per come è andato il primo tempo però, è ingiusto (e sprecone) finanche stare sopra soltanto di uno.

Nella ripresa subito occasione Napoli: Cragno esce male e rimane giù chiedendo un fallo che non c'è, Mario Rui prova il pallonetto ma lo sbaglia.
Pare tutto tranquillo, e invece al 59' becchiamo gol da polli. Fabian è troppo morbido in un contrasto al limite, Maksimovic si corica per terra per fermare Joao Pedro che però favorito da un rimpallo arriva al tiro e segna, 1-1.

Partono imprecazioni di ogni genere, ma fortunatamente appena rimettiamo palla avanti arriva un'altra magia di Zielinski (61'): cross basso di Di Lorenzo, Zielinski al limite controlla e se la porta avanti eludendo due avversari, poi scarica alle spalle di Cragno, 1-2.
Due minuti dopo Lozano si fa tamponare da Lykogiannis, già ammonito, e lo fa buttare fuori. Siamo 10 contro 11.

Al 68' il Napoli sciupa una palla d'oro: Insigne viene lanciato sulla fascia e crossa basso per Lzoano, che fa bene il movimento ma tira tra le braccia di Cragno (bravo e fortunato a battezzare il punto giusto dove tuffarsi).
Cinque minuti dopo Lozano fa il massimo possibile, andando a staccare su cross di Di Lorenzo un pelo alto, la tocca ma complice un tocco di Cragno sfiora solo la traversa.
Sull'angolo seguente però, Petagna fa a sportellate con due difensori e dà modo a Lozano di calciare da un metro, facendo 1-3.

A questo punto Gattuso si gioca i primi cambi: fuori Petagna e Zielinski, dentro Elmas e Politano.
Lozano fa il centravanti, a poco dopo è troppo altruista quando cerca Insigne anziché tirare a due metri dalla porta. Politano invece fa l'errore opposto in una circostanza identica, beccandosi qualche "vaffa".
All'84' Caligara, appena entrato, "para" un tiro dal fuori di Di Lorenzo. Rigore, il primo della stagione. Batte Insigne che di potenza infila Cragno, 1-4.

Gattuso concede la passerella finale a Lobotka , Ghoulame e addirittura Rrahmani.


RISULTATI
15.01
Lazio
Roma
3 - 0
16.01
Sampdoria
Udinese
-
16.01
Bologna
Verona
1 - 0
16.01
Torino
Spezia
-
17.01
Inter
Juventus
-
17.01
Crotone
Benevento
-
17.01
Sassuolo
Parma
-
17.01
NAPOLI
Fiorentina
-
17.01
Atalanta
Genoa
-
18.01
Cagliari
Milan
-
CLASSIFICA
1
Milan
40
2
Inter
37
3
Roma
34
4
Juventus
33
5
Atalanta
31
6
NAPOLI
31
7
Lazio
31
8
Sassuolo
29
9
Verona
27
10
Benevento
21
11
Sampdoria
20
12
Bologna
20
13
Fiorentina
18
14
Spezia
17
15
Udinese
16
16
Cagliari
14
17
Genoa
14
18
Torino
12
19
Parma
12
20
Crotone
9
PROSSIMO TURNO
23.01
Juventus
Bologna
23.01
Lazio
Sassuolo
23.01
Fiorentina
Crotone
23.01
Milan
Atalanta
23.01
Genoa
Cagliari
23.01
Udinese
Inter
23.01
Benevento
Torino
23.01
Verona
NAPOLI
23.01
Roma
Spezia
23.01
Parma
Sampdoria