gattuso-euroleague-conferenza-2020.jpg

Gattuso: «Preso un altro gol assurdo. Se non ci deprimiamo possiamo risalire in campionato»

Scritto da -

Dopo la sconfitta e l'eliminazione dall'Europa League, Gennaro Gattuso (visibilmente spento e cupo in volto) ha rilasciato alcune dichiarazioni.

«Usciamo fuori perché abbiamo preso anche oggi un gol assurdo, in tre contro uno. Per il resto non ricordo altre azioni loro, mentre noi dobbiamo essere orgogliosi di quanto fatto perché per larghi tratti abbiamo giocato bene, ma molto rammaricati perché abbiamo dimostrato di avere qualcosa in più».

«La difesa a tre nasce anche dal fatto che loro all'andata avevano giocato molto sul lato destro dove oggi c'era Koulibaly, anche con palle lunghe e spizzate. Per questo volevamo rinforzare quella zona, perchè con Elmas volevamo forzare un po' in avanti. Dopo il pareggio però abbiamo cambiato perché serviva ribaltare il risultato».

«In questi tre giorni ne ho viste di tutte e di più. Chi ci rappresenta deve farsi sentire. Se una italiana avesse fatto quello che ha fatto oggi il Granada saremmo finiti su tutte le prime pagine. Non si può star fermo ogni volta tre minuti».

«La squadra deve stare tranquilla: la gente deve rompere le scatole solo al sottoscritto. Faccio io le scelte e sono il primo responsabile. So benissimo che questa città viene da anni importanti e oggi è molto delusa, ma dobbiamo metterci i tappi nelle orecchie e dare qualcosa in più. E' una maglia pesante e ci giochiamo qualcosa di importante».

«Adesso dobbiamo recuperare le energie e magari qualche infortunato, perché anche oggi abbiamo speso tanto e tra due giorni abbiamo un'altra partita. Bisogna continuare ed aspettare quelli che arriveranno e ci daranno una mano. Sono tanti mesi che non lavoriamo più sul campo perché si gioca praticamente ogni tre giorni. Adesso visto che purtroppo non avremo altri impegni, potremo lavorare meglio sui movimenti».

«Filotto in campionato? Se non ci deprimiamo sì. Ci mancano 16 partite e ci sono tanti punti a disposizione ma non dobbiamo deprimerci. Dobbiamo diventare una squadra che sa quel che vuole. Tanti concetti li stiamo sbagliando ma ci sta se vuoi partire dal basso e giocare di reparto, ogni tanto sono cose che devi rinfrescare».

Su Ghoulam. «Se gioca così può essere un rinforzo, ci ha messo qualità ed impegno. Ora abbiamo bisogno di tutti».

Su Mertens. «Sta meglio dell'ultima partita, aveva quindici minuti ma ha giocato una mezz'ora. Sta molto meglio da quando è andato via».

Su Osimhen. «Non dipende da noi, ha perso i sensi e dipende dal protocollo della Federazione su cose del genere. Non so se sarà disponibile domenica».


RISULTATI
10.04
Parma
Milan
1 - 3
10.04
Spezia
Crotone
3 - 2
10.04
Udinese
Torino
0 - 1
11.04
Inter
Cagliari
1 - 0
11.04
Juventus
Genoa
3 - 1
11.04
Sampdoria
NAPOLI
0 - 2
11.04
Verona
Lazio
0 - 1
11.04
Roma
Bologna
1 - 0
11.04
Fiorentina
Atalanta
2 - 3
12.04
Benevento
Sassuolo
0 - 1
CLASSIFICA
1
Inter
74
2
Milan
63
3
Juventus
62
4
Atalanta
61
5
NAPOLI
59
6
Lazio
55
7
Roma
54
8
Sassuolo
43
9
Verona
41
10
Sampdoria
36
11
Bologna
34
12
Udinese
33
13
Genoa
32
14
Spezia
32
15
Fiorentina
30
16
Benevento
30
17
Torino
27
18
Cagliari
22
19
Parma
20
20
Crotone
15
PROSSIMO TURNO
18.04
Crotone
Udinese
18.04
Lazio
Benevento
18.04
Benevento
Spezia
18.04
Milan
Genoa
18.04
Cagliari
Parma
18.04
Sassuolo
Fiorentina
18.04
Atalanta
Juventus
18.04
Torino
Roma
18.04
Sampdoria
Verona
18.04
NAPOLI
Inter