zielinski-20212022-1.jpg

ZIELINSKI e INSIGNE, quanto pesano tutti quei flop nei big match

Scritto da -

Napoli-Milan ripropone l'ennesimo dramma emotivo da delusione cocente. Quando pensi di poter volare, arriva la picchiata verso terra.
Va avanti così da anni. Per diventare eroi serve incoscienza e coraggio. Ma quando arriva il momento di mostrarli, ecco che i nodi tornano al pettine.
Questione di palle, detto brutalmente.
Lo stesso Spalletti l'ha sottolineato alla fine: "Se non sai reggere alle pressioni e alle tensioni diventa quasi impossibile vincere".

Il fatto che sia così da anni, rende quelli della "vecchia guardia" i primi indiziati. Quelli che dovrebbero essere i presunti "leader", che invece evaporano quando la posta in palio si fa pesante.

Non ci vuole molto a fare una verifica e vedere chi è che nei big match è abbonato al flop. Quasi costantemente li steccano.
Il "gettone" lo vincono Zielinski e Insigne.
Appena si deve fare la voce grossa, appena bisogna scendere in campo con il coltello tra i denti, meglio non fare affidamento su di loro.
Zielinski ha infilato un tris mortificante di stecche: Barcellona, Lazio e Milan.
Insigne s'è salvato nella sfida con la Lazio, ma col Barcellona e col Milan.... brrr, i brividi.

Zielinski è l'eterno incompiuto. Lo accostavano a De Bruyne, e mai come domenica il paragone si è dimostrato inadeguato. Infatti poche ore prima di Napoli-Milan, s'è giocato il derby di Manchester: finale 4-1, il belga ha segnato due gol e fatto un assist; migliore in campo. Giocatore di altra categoria, di altro pianeta.
Zielinski è alto 1,80 metri, fisicamente sarebbe pronto a dare e riceverle quando c'è da darle e riceverle. E invece si sgonfia e diventa leggero come una piuma. Lo calpestano, lo buttano giù, lo attraversano. Lui niente, non reagisce, non c'è.

Insigne è la delusione più cocente, perché da capitano del Napoli ci si aspetta un modo diverso di andare in campo. Puoi anche sbagliare, ma devi essere quello che più di tutti deve avere voglia di azzardare.
E invece niente... Piatto. Basta che Calabra gli faccia "boo" per farlo scappare all'indietro. Non lo fa manco avvicinare all'area. Se hai la tremarella, non vai da nessuna parte.
Anzi, alla fine della giostra è proprio Insigne che perde un pallone nella nostra metà campo, trasformando un contropiede per noi in una punizione per gli altri. Quella da cui nasce il gol.
Una cosa simile era accaduta con il Barcellona: un suo errore aveva innescato lo 0-1.


RISULTATI
12.04
Lazio
Salernitana
4 - 1
13.04
Lecce
Empoli
1 - 0
13.04
Torino
Juventus
0 - 0
13.04
Bologna
Monza
0 - 0
14.04
NAPOLI
Frosinone
2 - 2
14.04
Sassuolo
Milan
3 - 3
14.04
Udinese
Roma
-
14.04
Inter
Cagliari
-
15.04
Atalanta
Verona
-
15.04
Fiorentina
Genoa
-
CLASSIFICA
1
Inter
82
2
Milan
69
3
Juventus
63
4
Bologna
59
5
Roma
55
6
Atalanta
50
7
NAPOLI
49
8
Lazio
49
9
Torino
45
10
Fiorentina
43
11
Monza
43
12
Genoa
38
13
Lecce
32
14
Cagliari
30
15
Udinese
28
16
Empoli
28
17
Verona
27
18
Frosinone
27
19
Sassuolo
26
20
Salernitana
15
PROSSIMO TURNO
21.04
Verona
Udinese
21.04
Milan
Inter
21.04
Empoli
NAPOLI
21.04
Monza
Atalanta
21.04
Genoa
Lazio
21.04
Sassuolo
Lecce
21.04
Cagliari
Juventus
21.04
Torino
Frosinone
21.04
Salernitana
Fiorentina
21.04
Roma
Bologna