spalletti-conferenza-20212022-1.jpg

SPALLETTI: «Staff in conferenza per dargli i giusti meriti. Non penso al prossimo Scudetto, penso a domani»

Scritto da -

Luciano Spalletti è intervento al termine di Torino Napoli ai microfoni di Dazn:
"Gettano le basi per il prossimo anno? Non so, per adesso conta il podio, cioè le posizioni dove la Serie A consegna le medaglie della Champions. E non ci siamo. Per il resto, se gettare le basi per il futuro significa fare le cose corrette e serie sempre, i ragazzi le hanno fatte durante tutto l'anno... anche nei momenti difficili, per rispetto della professione e di quelli che ci supportano. Il messaggio è chiaro: siamo con voi, il Napoli deve fare belle partite sempre e comunque".

Sulla conferenza stampa ceduta allo staff. "Non mi sono presentato in conferenza per dare merito e voce al mio staff dando presenza. Loro hanno il mio stesso valore. Bisogna dare meriti di chi ha fatto una grande stagione lavorando sodo ogni giorni con tanta fatica. Loro sono quelli che hanno vissuto di più i giocatori, se io ci ho trascorso un tempo pari a 3, il mio staff ci ha passato un tempo pari a 7. Mi è dispiaciuto il taglio dato alla non conferenza, mentre avete trascurato il fatto che la squadra dopo aver giocato non ha avuto il giorno di recupero, ci siamo allenati lunedì. E i ragazzi si sono allenati bene senza aprire bocca".

Sulla partita. "Mi fa piacere la pressione che abbiamo creato oggi, in particolare quella di Insigne che ha fatto una tripla pressione nel momento del gol. Loro fisicamente sono forti e ci venivano addosso mettendoci in difficoltà in qualche momento di costruzione. Abbiamo provato a portare i giocatori del Torino nelle posizioni dove non sono a loro agio. Se Koulibaly nel primo tempo fa 60 metri di corsa è un segno di maturità ed aiuta a capire la crescita della squadra. Soprattutto nel secondo tempo abbiamo fatto le cose che ci assomigliano come qualità, il dai e vai e l'attacco allo spazio, la presa di posizione in giro per il campo per smuovere gli equilibri loro: col Torino è sempre difficile, molti allenatori giovani ci impongono di adeguarci e per chi non ce l'ha nel dna è difficile."

Su Insgine. "Non è facile perdere un giocatore del suo livello. Ha già dimostrato il suo valore da calciatore e da uomo. Si è sempre preso responsabilità, molte che tanti altri non avrebbero prese. E' stato un giocatore leale e qualitativo".

Su Fabian. "Un calciatore di livello top, c'è poco da dire. Può arrivare un momento in cui le cose non girano, oggi magari con la deviazione il tiro passa sotto le gambe del portiere. Quest'anno è stato fuori per curarsi da una pubalgia che l'ha attanagliato per diverso tempo, non ha fatto vedere il suo reale valore. Ma se sta bene è fenomenale e di grandissima qualità. A volte poi si dice che è lento, ma arriva sempre e con il pensiero e la sua qualità è velocissimo. Gli puoi dare la palla in ogni modo, te la pulisce con i giri contati. Lui come tanti altri è di livello top".

Sullo Scudetto. "Bisogna farsi trovare pronti col tempo. Per ora dobbiamo soltanto pensare alle partite che restano. Il nostro futuro è il prossimo allenamento, non il prossimo anno. Si parte subito allenandosi al meglio già dal lunedì... anche senza giorno di riposo se si gioca sabato".




RISULTATI
20.05
Torino
Roma
0 - 3
21.05
Genoa
Bologna
0 - 1
21.05
Lazio
Verona
3 - 3
21.05
Atalanta
Empoli
0 - 1
21.05
Fiorentina
Juventus
2 - 0
22.05
Spezia
NAPOLI
0 - 3
22.05
Inter
Sampdoria
3 - 0
22.05
Sassuolo
Milan
0 - 3
22.05
Salernitana
Udinese
0 - 4
22.05
Venezia
Cagliari
0 - 0
CLASSIFICA
1
Milan
86
2
Inter
84
3
NAPOLI
79
4
Juventus
70
5
Lazio
64
6
Roma
63
7
Fiorentina
62
8
Atalanta
59
9
Verona
53
10
Torino
50
11
Sassuolo
50
12
Udinese
47
13
Bologna
46
14
Empoli
41
15
Sampdoria
36
16
Spezia
36
17
Salernitana
31
18
Cagliari
30
19
Genoa
28
20
Venezia
27
PROSSIMO TURNO