mazzarri_conferenza_202302224_2.jpg

MAZZARRI fa gelare il sangue: «Finora s'è fatto quello che si è potuto. Obiettivi stagionali? Quando sono stati fatti non c'ero io»

Scritto da -

Walter Mazzarri ha parlato in conferenza dopo la sconfitta con il Milan.

"Napoli a due facce? Non è solo una questione di modulo. Il Milan aveva fatto un pressing feroce nel primo tempo e poi è calato. Nella ripresa potevamo far ancora meglio proprio perché loro avevano speso tanto ed era prevedibile che potesse calare. Nella ripresa non c’entra il modulo, noi abbiamo fatto bene e giocato bene. In ogni caso il modulo dipende da tante cose, anzitutto da quelli che ci sono e come stanno fisicamente. Non vorrei fare l'elenco delle cose che ci sono andate storte, ma ci sono. A Riad abbiamo fatto tre gol alla Fiorentina con la difesa a tre e tenuto botta con l’Inter. L’importante sono i principi e che i ragazzi recepiscano ciò che chiedo, il modulo è secondario".

Il gol preso. "Abbiamo fatto un errore su una situazione leggibilissima, che avevamo provato in settimana. Era tutta la settimana che sapevamo che Theo faceva quel tipo di azione, l’avevamo preparato questo inserimento. Non voglio dire chi ha sbagliato, si è fatto un errore e dispiace. Dovevamo scappare prima su quella palla filtrante, dico solo questo".

Umore. "Ci serve ritrovare la condizione psicofisica giusta, che quest'anno ci sta mancando per via di una stagione tribolata. Ci sono altre 15 partite e credo che è possibile puntare alla Champions. Abbiamo avuto di tutto in questo periodo, stiamo recuperando giocatori importanti ed oggi non meritavamo di perdere. Oggi se ci girava in un certo modo potevamo anche vincere, dobbiamo pensare a questo. Io sono fiducioso e lotteremo fino alla fine per il quarto posto".

Obiettivo stagionale. "Io sono arrivato a stagione iniziata e in una situazione difficile, per cui non c'ero io quando sono stati fatti gli obiettivi stagionali. S'è fatto quel che si è potuto, continueremo a fare il meglio possibile".

Su Kvaratskhelia: “Lui sta cercando di trovare spazi diversi, perché viene sempre triplicato. Oggi è stato braccato, mentre con il Verona ha fatto benissimo. Qualcuno entra in modo maschio e andrebbe punito di più, oggi gli hanno fatto la gabbia attorno e non può saltare sempre da solo tutti. I compagni devono metterlo nella condizione giusta anche di potersi accentrare”.

Su Zielinski: “Quando fanno la lista Champions potevamo metterne solo tre, ne hanno comprati 4-5 nuovi ed hanno pensato che questi sono il futuro del Napoli e non potevano lasciare fuori Traorè che deve essere valutato. Lui è arrivato con dei problemi ed ha 20-25’ ed ha rifatto la preparazione, è il giocatore più adatto a giocare nel ruolo così come Dendoncker e rappresentano il futuro del Napoli così come Ngonge. Devono giocare in campionato perché hanno più chance? Come ragionamento può essere giusto, ma Zielinski oggi ha giocato mentre le ultime non e ha giocato ed abbiamo vinto lo stesso. Oggi pensavo fosse giusto far giocare lui anche se non era ancora al meglio, poi magari le prossime non è detto che parta titolare”.


RISULTATI
03.03
Verona
Sassuolo
-
03.03
Inter
Genoa
-
03.03
Empoli
Cagliari
-
03.03
Lazio
Milan
-
03.03
Frosinone
Lecce
-
03.03
Torino
Fiorentina
-
03.03
Atalanta
Bologna
-
03.03
Udinese
Salernitana
-
03.03
NAPOLI
Juventus
-
03.03
Monza
Roma
-
CLASSIFICA
1
Inter
69
2
Juventus
57
3
Milan
53
4
Bologna
48
5
Atalanta
46
6
Roma
44
7
Fiorentina
41
8
NAPOLI
40
9
Lazio
40
10
Torino
36
11
Monza
36
12
Genoa
33
13
Empoli
25
14
Lecce
24
15
Udinese
23
16
Frosinone
23
17
Verona
20
18
Sassuolo
20
19
Cagliari
20
20
Salernitana
13
PROSSIMO TURNO
10.03
Genoa
Monza
10.03
Juventus
Atalanta
10.03
Cagliari
Salernitana
10.03
Lazio
Udinese
10.03
Fiorentina
Roma
10.03
NAPOLI
Torino
10.03
Bologna
Inter
10.03
Sassuolo
Frosinone
10.03
Milan
Empoli
10.03
Lecce
Verona