napoli_atalanta_20232024.jpg

NAPOLI, capolinea Champions. L'ATALANTA ci travolge 0-3, da domani si rifonda tutto

Scritto da -

Nell'uovo di Pasqua il Napoli trova l'amaro bigliettino "addio alla Champions" ( e probabilmente addio a ogni tipo di coppa europea). L'Atalanta infatti passa al Maradona senza neppure viaggiare a chissà che ritmo; gli basta solo sfruttare le nostre colossali distrazioni.

Volendo vedere il lato positivo, da domani si potrà programmare la prossima stagione sapendo il budget quale sarà, e cominciando dal nuovo allenatore visto che Calzona ha sprecato la sua unica chance.

FORMAZIONI UFFICIALI
NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Ruiz; Anguissa, Lobotka, Traore; Politano, Osimhen, Raspadori.
A disp.: Contini, Gollini, Natan, Olivera, Mazzocchi, Zielinski, Cajuste, Lindstrom, Dendoncker, Simeone, Ngonge. All.: Calzona
ATALANTA (3-4-2-1): Carnesecchi; Scalvini, Hien, Kolasinac; Hateboer, De Roon, Ederson, Zappacosta; Pasalic, Miranchuk; Scamacca.
A disp.: Musso, Rossi, Toloi, Holm, Palomino, Djimsiti, Bakker, Ruggeri, Koopmeiners, Adopo, Toure, Lookman. All.: Gasperini

La sosta delle Nazionali ha portato il vantaggio di avere Osimhen in forma più brillante, ma al tempo stesso ci priva di Kvara che è tornato con un problema muscolare dalla Georgia (non va neppure in panchina). Calzona sceglie Raspadori per sostituirlo, con Traoré che continua ad essere preferito a Zielinski.
Non che a Gasparini sia andata meglio, visto che per colpa delle Nazionali ha perso De Ketelaere e può portare Koopminers solo in panchina.

Come preannunciato, prima del match vengono intraprese diverse iniziative anti-razzismo, come l'inginocchiamento dei calciatori azzurri a metà campo prima del fischio iniziale.

Si parte a ritmo sostenuto, col primo episodio che spaventa il Napoli dopo appena 2 minuti: errore di Rrahamni a metà campo, ripartenza atalantina con palla verticale per Miranchuk che arriva al limite e spara di precisione, ma ci salva il PALO. Sul prosieguo dell'azione, Juan Jesus è provvidenziale a deviare un cross allungandolo in angolo.
La paura dà convinzione all'Atalanta e intimorisce il Napoli, che per diversi minuti fa molta fatica ad arriva nella tre quarti avversaria.

Solo verso il 10' cominciamo ad affacciarci meglio nella metà campo avversaria.
Al 12' Traoré si libera per tirare in area, ma poi cerca un dribbling superfluo e perde palla.
Pochi secondi dopo palla nel mezzo per Osimhen, che di testa ci arriva bene ma non può dare forza al tiro e Carnesecchi blocca.

Sembra un buon momento per gli azzurri, ma al 26' passa l'Atalanta. Cross lungo per Hateboer che fa sponda in mezzo, Scamacca ha un contatto sospetto con Rrahamni che va giù, l'azione prosegue con Pasalic che la sporca in mezzo per Miranchuk che è solo e per poco non sbaglia pure, ma fa 0-1.

Il Napoli potrebbe rimediare subito, perché Anguissa imbuca per Osimhen che anticipa Carnescchi ma gli può solo calciare addosso.
Ma due minuti dopo Meret ci salva, uscendo due volte sui piedi di Pasalic e Kolasinac con grande coraggio.

Essere sotto nel punteggio ci rende frenetici e arruffoni, e proprio così matura il raddoppio nerazzurro a fine primo tempo: Juan Jesus anticipa Scamacca che però gli monta addosso, senza eccessi, e gli soffia palla. Lo stesso Scamacca dal limite infila l'angolino, 0-2.
Si va all'intervallo tra i fischi.

Entrano Zielinski e Ngonge. Escono Traoré e Raspadori.

Al 54' il manifesto di come le cose vanno storte al Napoli quest'anno: Zielinski spara una botta da posizione impossibile e centra il PALO, sulla respinta Lobotka tira dal limte, la palla viene sporcata da Osimhen e Caresecchi la toglie dalla porta deviandola con l'aiuto del PALO.

Il Napoli prova, anche generosamente, a spingersi avanti.
Al 67' esce anche Politano, entra Lindstrom.
Al 75' esce Anguissa e va dentro Simeone, ma il gol lo sfiora l'Atalanta con Lookman, che imepgna Meret.

Una combinazione Simeone-Osimhen porta il nigeriano al tiro, Carnesecchi respinge.
Il duello si ripete all'80', e lo vince ancora il portiere.
All'85' mischione in area bergamasca, ma la palla finisce fuori di un pelo.
Il gol arriva, ma lo fa Koopminers all'88', con un diagonale perfetto, 0-3.



RISULTATI
12.04
Lazio
Salernitana
4 - 1
13.04
Lecce
Empoli
1 - 0
13.04
Torino
Juventus
0 - 0
13.04
Bologna
Monza
0 - 0
14.04
NAPOLI
Frosinone
2 - 2
14.04
Sassuolo
Milan
3 - 3
14.04
Udinese
Roma
-
14.04
Inter
Cagliari
-
15.04
Atalanta
Verona
-
15.04
Fiorentina
Genoa
-
CLASSIFICA
1
Inter
82
2
Milan
69
3
Juventus
63
4
Bologna
59
5
Roma
55
6
Atalanta
50
7
NAPOLI
49
8
Lazio
49
9
Torino
45
10
Fiorentina
43
11
Monza
43
12
Genoa
38
13
Lecce
32
14
Cagliari
30
15
Udinese
28
16
Empoli
28
17
Verona
27
18
Frosinone
27
19
Sassuolo
26
20
Salernitana
15
PROSSIMO TURNO
21.04
Verona
Udinese
21.04
Milan
Inter
21.04
Empoli
NAPOLI
21.04
Monza
Atalanta
21.04
Genoa
Lazio
21.04
Sassuolo
Lecce
21.04
Cagliari
Juventus
21.04
Torino
Frosinone
21.04
Salernitana
Fiorentina
21.04
Roma
Bologna