delaurentiis-sarri-natale-2017.jpg

De Laurentiis, addio polemico a Sarri: «Napoli spompato, altro che arbitri. Giocano sempre gli stessi»

Scritto da -

Il presidente rompe il lungo silenzio e critica apertamente il tecnico. Segnale chiaro dell'imminente addio
«Napoli spompato, altro che arbitri». Questo virgolettato apre l'intervista ad Aurelio De Laurentiis che sarà sull'edizione di sabato de Il Mattino. Il patron ha criticato apertamente il tecnico azzurro per la gestione poco ampia della rosa, che ha causato - a suo dire - l'esaurimento del serbatoio proprio sul rettilineo del traguardo.

«A Firenze siamo andati senza benzina», ha detto il patron, che ha pure trovato la causa: «Hanno giocato sempre gli stessi. All’inizio dell’anno abbiamo dovuto anticipare il ritiro perché avevamo un preliminare Champions e questo vuol dire che finirai prima il tuo carburante. A meno che tu non adoperi tutti i giocatori della rosa che hai... Ecco, si poteva prendere fiato in certi momenti della stagione. Ad esempio, se noi non avessimo avuto infortuni come quello di Ghoulam avremmo mai scoperto uno come Mario Rui? A parte gli errori catastrofici fatti con la Roma, per il resto è stato molto bravo».

«Campionato falsato dall'arbitraggio di Inter-Juve? Non credo. Sabato sono successe tante cose, ad esempio anche delle scelte dell’allenatore dell’Inter non condivisibili... ha fatto due cambi tirando fuori Icardi, e quando i giocatori entrano a freddo non hanno mai la stessa tensione di chi esce».

«Il VAR? Non mi va che venga messo sotto accusa perché sono e resto un suo sostenitore. Secondo me però in cabina di regia non devono esserci arbitri ma altre figure, magari dei tecnici. Devono essere un giudice ineluttabile, e per questo non vorrei altri arbitri, ma tecnici».

Poi però affonda anche la Juve: «La sudditanza nei confronti della Juve c’è sempre stata, la famiglia Agnelli è la più potente in Italia, con Calciopoli bisognava andare giù più pesanti invece non s’è risolto niente».

Infine un passaggio sul contratto: «Se Maurizio va via vuol dire che non ci crede. Dipende tutto da lui. Non mi sembra adesso il caso di insistere, va lasciato lavorare tranquillo. Da gennaio gli ho parlato diverse volte, se alla fine vorrà rimanere per me sarà un grande piacere. Se qualcuno, poi, dovesse pagare la clausola rescissoria, a quel punto non potrei fare niente. Io comunque guardo avanti».
Alcune ore dopo le dichiarazioni riportate dai quotidiani, De Laurentiis ha parlato in diretta a Radio KissKiss, chiarendo meglio il suo pensiero soprattutto riguardo Sarri: Vedi l'intervista a KissKiss qui


  Commenti (1) Inserisci un commento (I commenti saranno sottoposti a moderazione)


Il solito giochetto per pararsi le spalle.
Inizia un nuovo ciclo dopo Mazzarri, Benitez e Sarri; obiettivo massimo? Secondo posto. Scopo? Monetizzare al massimo facendo illudere i tifosi


#1 - di silvio - sab 05 mag 2018, 09:42

[1]


Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi il primo e l'ultimo numero
6 G 6 v 4 w
RISULTATI
29.02
Lazio
Bologna
2 - 0
29.02
NAPOLI
Torino
2 - 1
01.03
Lecce
Atalanta
2 - 7
01.03
Cagliari
Roma
3 - 4
08.03
Parma
Spal
0 - 1
08.03
Milan
Genoa
1 - 2
08.03
Sampdoria
Verona
2 - 1
08.03
Udinese
Fiorentina
0 - 0
08.03
Juventus
Inter
2 - 0
09.03
Sassuolo
Brescia
3 - 0
CLASSIFICA
1
Juventus
63
2
Lazio
62
3
Inter
54
4
Atalanta
48
5
Roma
45
6
NAPOLI
39
7
Milan
36
8
Verona
35
9
Parma
35
10
Bologna
34
11
Sassuolo
32
12
Cagliari
32
13
Fiorentina
30
14
Udinese
28
15
Torino
27
16
Sampdoria
26
17
Genoa
25
18
Lecce
25
19
Spal
18
20
Brescia
16
PROSSIMO TURNO
08.03
Genoa
Parma
08.03
Inter
Sassuolo
08.03
Bologna
Juventus
08.03
Lecce
Milan
08.03
Fiorentina
Brescia
08.03
Torino
Udinese
08.03
Atalanta
Lazio
08.03
Verona
NAPOLI
08.03
Spal
Cagliari
08.03
Roma
Sampdoria