juve-napoli-2019-43-koulibaly-1.jpg

11 GOL SUBITI tra Barcellona, Fiorentina e Juve. Altro che campanello d'allarme, scatta la sirena!

Scritto da -

Numeri terrificanti per la retroguardia azzurra, che continua a beccare gol a raffica
I numeri recenti sono da brividi. Tre gol presi a Firenze, 4 a Torino. E prima ancora 4 ad Ann Arbor contro il Barcellona. Undici gol nelle ultime 3 partite. Altro che campanello d'allarme, qui scatta una sirena.

L'unica attenuante può essere concessa per il ritardo di condizione di Koulibaly, rientrato solo a Ferragosto dalle vacanze. Il senegalese se ne porta sulla coscienza 4 nelle prime due di campionato, ma questo non basta a giustificare un rendimento così deludente dell'intero reparto, tenuto conto che l'innesto di Manolas avrebbe dovuto alzare il livello della difesa, così come quello di Di Lorenzo. Ed effettivamente entrambi finora hanno fatto la loro parte.
E allora se non è tutta solo colpa di Koulibaly, e i nuovi non c'entrano nulla, perché siamo diventati un colabrodo?

Perché siamo distratti e tardivi, spesso perdiamo l'uomo e quando siamo schierati tendiamo a restargli a distanza di 2 metri (quando va bene). Concetto che ha sottolineato lo stesso Ancelotti in conferenza stampa.

A Firenze Koulibaly è uscito tardi su Boateng, nell'unico gol segnato su azione.
Stesso copione sul gol di Higuain: Koulibaly resta staccato dall'uomo che riceve palla (peraltro nella stessa azione anche Ghoulam era in ritardo su Kedhira in mezzo, mentre Insigne rimane fermo mentre a pochi metri c'è Douglas Costa che si avvia verso il secondo palo)
juve-napoli-4-3-errori-3.jpg

Sempre nel primo tempo è accaduto anche che Kehdira si è trovato solo davanti a Meret, per gentile concessione di Allan e Ghoulam, in ritardo anche loro.
juve-napoli-4-3-errori-2.jpg
Lo stesso Kehdira - sempre nel primo tempo - ha colpito una traversa perché ha potuto girarsi, in mezzo a tre azzurri, mirare e calciare senza che nessuno gli andasse contro.

Sul 3-0 addirittura ci sono tre errori. Allan vaga senza meta, il compagno di reparto Ruiz (che si era spostato a centrocampo) si era perso Higuain (che attaccava l'area partendo dal limite), e la frittata è completata da Mario Rui che si perde Ronaldo, che poi segnerà.
juve-napoli-4-3-errori.jpg

Nel prepartita, Davide Ancelotti aveva parlato della strategia azzurra di fare densità al centro, per evitare di concedere spazi all'uno-due bianconero. Ma se fai densità rimanendo fermo, i gol li becchi comunque.

Come si rimedia?
Potrebbe essere facile dare la colpa al nuovo modulo, perché il 4-2-3-1 è tendenzialmente più "scoperto". Ma in realtà a conti fatti, contro la Juve abbiamo beccato gli stessi gol (2 per tempo e 1 traversa per tempo) col 4-2-3-1 che col 4-4-2.
Semmai si può argomentare che col 4-4-2 abbiamo creato di più e meglio, perché Fabian Ruiz continua a sembrare molto sacrificato come trequartista, mentre arretrato a centrocampo la sua prestazione è sensibilmente migliorata.

Ma il problema difensivo rimane in ambedue i casi, ed è una brutta gatta da pelare.


  Commenti (0) Inserisci un commento




Inserisci un commento
Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio, non sarà pubblicata)

Sito Web


Antispam: scrivi solo i numeri
1 w 5 e 1 h
RISULTATI
08.11
Sassuolo
Bologna
3 - 1
09.11
Brescia
Torino
0 - 4
09.11
Inter
Verona
2 - 1
09.11
NAPOLI
Genoa
0 - 0
10.11
Cagliari
Fiorentina
5 - 2
10.11
Sampdoria
Atalanta
0 - 0
10.11
Lazio
Lecce
4 - 2
10.11
Udinese
Spal
0 - 0
10.11
Parma
Roma
2 - 0
10.11
Juventus
Milan
1 - 0
CLASSIFICA
1
Juventus
32
2
Inter
31
3
Lazio
24
4
Cagliari
24
5
Atalanta
22
6
Roma
22
7
NAPOLI
19
8
Parma
17
9
Fiorentina
16
10
Verona
15
11
Torino
14
12
Udinese
14
13
Sassuolo
13
14
Milan
13
15
Bologna
12
16
Lecce
10
17
Genoa
9
18
Sampdoria
9
19
Spal
8
20
Brescia
7
PROSSIMO TURNO
23.11
Atalanta
Juventus
23.11
Milan
NAPOLI
23.11
Torino
Inter
24.11
Bologna
Parma
24.11
Verona
Fiorentina
24.11
Roma
Brescia
24.11
Sassuolo
Lazio
24.11
Sampdoria
Udinese
24.11
Lecce
Cagliari
25.11
Spal
Genoa