osimhen-insigne-lozano-mertens-2020-1.jpg

NAPOLI corsaro a Bologna (0-1). Segna OSIMHEN, ma sono decisivi i duelli di LOZANO e la paratona di OSPINA

Scritto da -

Le vittorie facili non esistono, questo lo sappiamo. Ma se sei bravo, di sicuro la strada te la puoi mettere in discesa. Il Napoli questo non lo sa fare, e alla fine se prende tre punti a Bologna deve ringraziare "San David da Itagui", che para una specie di rigore a Orsolini nel finale.
A noi basta il colpo di testa di Osimhen, ma ad essere precisi basta vincere un solo duello in campo: quello di Lozano contro Denswil. La partita si decide tutta lì, perché poi il Napoli in 80 minuti di dominio territoriale non è capace di impegnare Skorupski nemmeno una volta (anche se sporadiche occasioni le crea).

FORMAZIONI
BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Danilo, Tomiyasu, Denswil; Dominguez, Schouten; Orsolini, Soriano, Barrow; Palacio. aLL. Mihajlovic
NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj; Bakayoko, Fabian Ruiz; Lozano, Mertens, Insigne; Osimhen. All. Gattuso

Gattuso ritrova Osimhen, che in Europa League era squalificato, e ripropone la formazione che ha saputo sia esaltare che deludere, con il 4-2-3-1 nel quale Insigne torna in campionato a occupare la fascia sinistra, mentre Lozano si sistema a destra.
Fa rumore però la doppia esclusione di Mario Rui e Ghoulam, entrambi in tribuna per scelta tecnica. Dovevano giocarsi il posto a sinistra, ma quest'anno sono stati scalzati tutti e due da Hysaj, evidentemente fatto non digerito.

Il Napoli si trova di fronte un avversario ben diverso dagli ultimi che ha affrontato. Il Bologna infatti non rimane parcheggiato nella sua metà campo, ma prova a pressare uno conto uno. Questo atteggiamento rivela tutti i suoi rischi, perché una volta saltata la linea del pressing rossoblù, il Napoli ha diverse praterie in cui correre (non si vedeva dalla sfida con l'Atalanta).

Nella prima si infila Lozano al 17', ma il suo tiro è centrale. Nella seconda (19') galoppa Insigne, che chiama poi Mertens al tiro a giro che va fuori.
Nella terza, al 22', Lozano si beve Denswil e mette un cross al bacio per Osimhen, che viene ignorato sul secondo palo e insacca da 2 metri il primo gol di testa del Napoli in questa stagione.
Va detto che due minuti prima c'era voluta una mostruosa chiusura di Koulibaly su Orsolini lanciato verso Ospina.

Raggiunto il vantaggio, il Napoli si difende senza affanni, ma ha la colpa di non approfittare della situazione perché gli spazi continuano ad apriresi. Ma paghiamo due cose: Mertens che ancora non riesce a trovare la sua collocazione, e Insigne che è un po' appannato dopo l'assenza di un paio di settimane. Proprio Insigne spreca il raddoppio al 43' con Insigne, vanificando un in contropiede con un tiro alto dal limite in posizione centrale e a porta spalancata.

In avvio di ripresa (48'), un'altra folata di Lozano porta a un calcio d'angolo. sulla battuta, si crea un mischione in area e Koulibaly piazza la zampata che manda alle spalle di Skorupski, 0-2. Il VAR segnala che c'è un tocco di mano impercettibile di Osimhen, per cui il gol viene annullato. Da rivedere però se il nigeriano la tocca prima anche col piede.



La partita rimane in totale controllo del Napoli, che però continua a non piazzare il colpo del ko e al di là di un tiro debole di Insigne non produce.
Lo stesso Insigne in seguito manda alta una punizione dal limite.
Al 57' invece siamo noi a correre il primo grosso rischio, quando Orsolini mette in mezzo per Palacio che spara dal dischetto del rigore, trovando però il corpo di Di Lorenzo che in modo provvidenziale respinge.

Al 70' comincia la girandola dei cambi di uomini e modulo del Bologna, che si sbilancia ulteriormente avanti.
Al 75' cambia anche Gattuso: Mertens e Lozano vanno fuori, entrano Zielinski e Politano. Poco dopo entrano anche Petagna ed Elmas per Osimhen e Insigne.

Al 86' incredibile quanto rischiamo. Orsolini si trova solissimo davanti a Ospina che gli respinge il tiro, sulla respinta Palacio tira a colpo sicuro ma Hysaj si oppone col corpo, e sulla terza ribattuta c'è un tiro di Svanberg che Orsolini, a 30 cm dalla porta, non riesce a deviare.
Finiamo con un altro rischio, ma al 90' Ospina disinnesca un diagonale di Palacio e sigilla la vittoria.


RISULTATI
19.02
Fiorentina
Spezia
3 - 0
19.02
Cagliari
Torino
0 - 1
20.02
Lazio
Sampdoria
1 - 0
20.02
Genoa
Verona
2 - 2
20.02
Sassuolo
Bologna
1 - 1
21.02
Parma
Udinese
2 - 2
21.02
Milan
Inter
0 - 3
21.02
Atalanta
NAPOLI
4 - 2
21.02
Benevento
Roma
0 - 0
22.02
Juventus
Crotone
3 - 0
CLASSIFICA
1
Inter
53
2
Milan
49
3
Juventus
45
4
Roma
44
5
Atalanta
43
6
Lazio
43
7
NAPOLI
40
8
Sassuolo
35
9
Verona
34
10
Sampdoria
30
11
Genoa
26
12
Bologna
25
13
Udinese
25
14
Fiorentina
25
15
Benevento
25
16
Spezia
24
17
Torino
20
18
Cagliari
15
19
Parma
14
20
Crotone
12
PROSSIMO TURNO
26.02
Torino
Sassuolo
27.02
Spezia
Parma
27.02
Verona
Juventus
27.02
Bologna
Lazio
28.02
Sampdoria
Atalanta
28.02
Crotone
Cagliari
28.02
Inter
Genoa
28.02
Udinese
Fiorentina
28.02
NAPOLI
Benevento
28.02
Roma
Milan