delaurentiis-intervista-2.jpg

DE LAURENTIIS: «Il presidente non deve fare il tifoso senno' fallisce. Superlega? Il calcio dei privilegiati non esiste»

Scritto da -

Ieri il presidente Aurelio De Laurentiis ha incontrato gli studenti dell'istituto professionale Giordani di Caserta. Tanti i temi affrontati dal presidente, ci sono anche alcuni passaggi sul calcio.

«Abbiamo inaugurato un'era diversa. Dal 2004 mai neppure sfiorato un fallimento o altro. Io sono tifoso e presidente e bisogna sapere sempre scindere le due anime. Quando perdi devi sbollentare la rabbia e ti devi ricordare quello che sei. Perché non è che si può ogni volta ricominciare dalla serie C. Così quest'anno possiamo celebrare il 13esimo anno in Europa ed è un record».

Su Ancelotti. «Quanto è stata bella la sfida col City? C'era un pezzo di Napoli in campo, con Ancelotti. E il Real Madrid ha meritato, perché ci ha creduto fino alla fine e quando uno ci crede può riuscire in ogni cosa. E in questo Ancelotti ha dimostrato di essere uno vincente. Poi lui è abituato ad amministrare calciatori top top top».

Superlega e Uefa. «Ad Agnelli ho detto subito che non mi piaceva. Non esiste un calcio di privilegiati, va sempre premiato il merito conquistato sul campo. Ma anche la Uefa non sta andando nella direzione giusta anche perché i tornei nazionali non devono essere sviliti, perché qui ci sono le nostre origini, le nostre passioni. Sono un torneo europeo con due gironi da 30 squadre».


RISULTATI
20.05
Torino
Roma
0 - 3
21.05
Genoa
Bologna
0 - 1
21.05
Lazio
Verona
3 - 3
21.05
Atalanta
Empoli
0 - 1
21.05
Fiorentina
Juventus
2 - 0
22.05
Spezia
NAPOLI
0 - 3
22.05
Inter
Sampdoria
3 - 0
22.05
Sassuolo
Milan
0 - 3
22.05
Salernitana
Udinese
0 - 4
22.05
Venezia
Cagliari
0 - 0
CLASSIFICA
1
Milan
86
2
Inter
84
3
NAPOLI
79
4
Juventus
70
5
Lazio
64
6
Roma
63
7
Fiorentina
62
8
Atalanta
59
9
Verona
53
10
Torino
50
11
Sassuolo
50
12
Udinese
47
13
Bologna
46
14
Empoli
41
15
Sampdoria
36
16
Spezia
36
17
Salernitana
31
18
Cagliari
30
19
Genoa
28
20
Venezia
27
PROSSIMO TURNO