spalletti-conferenza-20212022-2.jpg

SPALLETTI: «Milan e Napoli simili, perché giocano e lasciano spazi. Dicevate che eravamo Osimhen-dipendenti...»

Scritto da -

Il tecnico azzurro Luciano Spalletti ha parlato in conferenza alla vigilia della sfida con il Milan.
"Milan e Napoli sono due squadre che stanno bene, per cui diventa difficile dire chi è avvantaggiato. Però loro sono i campioni, e questo significa qualcosa. Aver vinto il campionato gli ha dato ulteriore forza, e l'inizio di quest'anno conferma quella forza. Domani credo che quello che saprà prendersi quell'anticipo sulle giocate durante i 90 minuti avrà la meglio. Siamo due squadre che lasciano spazi per la voglia di vincere, chi gestirà meglio la palla allora potrà prendere un piccolo vantaggio".

"Spero sia una bella partita per il calcio italiano e il calcio in generale. Siamo due squadre che si somigliano. Pioli è stato molto bravo lo scorso anno a tenere unito tutto l'ambiente nonostante i momenti di difficoltà, hanno vinto tirando tutti dallo stesso lato, con tutto l'ambiente. Quest'anno per noi sarà ancora più difficile perché hanno l'esperienza dello scorso anno. Anche loro avevano ringiovanito molto, e sono stati bravi a costruire un gruppo valido. Penso che sarà una bella partita, anche perché noi abbiamo imparato a giocare come sappiamo ovunque e contro chiunque. Dobbiamo sicuramente migliorare di volta in volta, così da farci quel bagaglio di esperienze che in partite di lato livello di potranno servire".

Formazione. "Ci ho pensato un pochino, perché a fare il mio lavoro si pensa anche alla formazione. Faremo come loro e giocheremo in 11 anche noi, non posso dire la formazione il giorno prima. Non è corretto che i miei calciatori sappiano oggi chi gioca, ho bisogno di più di 11 giocatori per arrivare in fondo alla partita, voglio avere tutti motivati".

Infortunati. "Demme è in fase di recupero, Lozano è recuperato e sarà a disposizione".

Cinque azzurri in Nazionale. "Sono soddisfatto perché meritano tutto questo. Mancini è stato bravo con i nostri ragazzi emergenti ed è un piacere vedere allenarsi i nostri che tirano sempre al massimo".

Indicazioni utili. "Certe valutazioni le dovremo fare dopo e in base alla prestazione, all'atteggiamento che mostreremo. Dovremo andare lì come siamo andati sempre in campo quest'anno, stando ancora più attenti alle palle perse, perché ogni palla persa con loro te la ribaltano subito in azione offensiva, non sono tra quelli che pensano con la palla sui piedi, loro attaccano gli spazi. Le palle perse sono fondamentali per entrambe".

"Il Napoli è una squadra che è stato costruita con giocatori tecnici. Possiamo ancora crescere. Ero molto curioso di vedere la mia squadra a inizio anno, eravamo convinti di avere delle potenzialità. Non so se ci aspettavamo di essere a questo punto qui. E' ancora poco il tempo. Poteva succedere diversamente in senso negativo e non avrebbe cambiato il giudizio. La strada è difficile e ci sono molti km da fare. Per il momento siamo soddisfatti, in maniera corretta perché nel calcio basta un episodio per far cambiare la storia".

Raspadori-Simeone. "Li abbiamo scelti perché hanno caratteristiche diverse che possono tornarci utili a seconda delle circostanze. Uno dà più profondità, attacca gli spazi dietro la linea, ha più fisico, l'altro è diverso, sono diversi perché li abbiamo scelti per avere tutte le possibilità. Raspadori diventa più sgusciante quando viene a palleggiare, il secondo gol dell'altro giorno lo racconta, dipende anche dalle caratteristiche degli avversari. Chi va più in profondità di solito è più finalizzatore, chi viene a prendere palla lega di più, ti fa più superiorità numerica, sono queste le caratteristiche. Mi fa piacere però, se fossimo stati dipendenti di Osimhen come dicevate? No, ci sono anche gli altri".

Rigoristi. "In ogni squadra ci sono più rigoristi e anche domani con il Milan ci saranno il primo e il secondo tiratore. Nel primo rigore a Glasgow Piotr è stato molto bravo, il portiere si è superato. Il secondo rigorista era Politano. Nella partita contro lo Spezia il rigorista era Politano e il secondo Elmas. Non rispondo di più per non far capire chi saranno i titolari...".

Su Ndombele. "Lui ha fatto tutti i ruoli del centrocampo. Probabilmente per fare il play basso c'è bisogna di un certo scatto per divincolarsi dal pressing, anche se perdi palla in quella zona lì diventa pericolosa. Lobotka ad esempio è perfetto quando si gioca con un mediano solo, perché ha quelle rotazioni su se stesso... Ndombele credo che starebbe bene lo stesso nel centrocampo a due, e il centrocampista può farlo come l'altra sera, con meno incursione e profondità perché Zielu arriva fino alla bandierina, lui lo fa più centralmente ma lo può fare, come conoscenze di calcio le ha tutte. Un po' d'esperienza in Europa ti dà quel vantaggio sulle scelte, dobbiamo fare anche questo velocemente".


RISULTATI
01.10
NAPOLI
Torino
-
01.10
Inter
Roma
-
01.10
Empoli
Milan
-
02.10
Lazio
Spezia
-
02.10
Sampdoria
Monza
-
02.10
Lecce
Cremonese
-
02.10
Sassuolo
Salernitana
-
02.10
Atalanta
Fiorentina
-
02.10
Juventus
Bologna
-
03.10
Verona
Udinese
-
CLASSIFICA
1
NAPOLI
17
2
Atalanta
17
3
Udinese
16
4
Lazio
14
5
Milan
14
6
Roma
13
7
Inter
12
8
Juventus
10
9
Torino
10
10
Fiorentina
9
11
Sassuolo
9
12
Spezia
8
13
Salernitana
7
14
Empoli
7
15
Lecce
6
16
Bologna
6
17
Verona
5
18
Monza
4
19
Cremonese
2
20
Sampdoria
2
PROSSIMO TURNO
08.10
Sassuolo
Inter
08.10
Milan
Juventus
08.10
Bologna
Sampdoria
09.10
Torino
Empoli
09.10
Monza
Spezia
09.10
Salernitana
Verona
09.10
Udinese
Atalanta
09.10
Cremonese
NAPOLI
09.10
Roma
Lecce
10.10
Fiorentina
Lazio